Progetto

Riqualificazione energetica Casa circondariale Lorusso e Cotugno

Localisation

Via Aglietta Torino TO Italia

1. Coibentazione e rifacimento dell’impermeabilizzazione del tetto piano

Il tetto piano è stato risanato e coibentato mediante:

  • Chiusura delle aperture sul muretto perimetrale situate a una quota inferiore a quella del pacchetto isolante/impermeabilizzante, mediante blocchetti.
  • Applicazione di sottofondo di adesione a base di gel di bitume in emulsione acquosa BITUVER ECO PRIVER.
  • Stesura di telo bituminoso costituito da un’armatura in velo di vetro forato (diametro fori 40 mm) impregnata in bitume ossidato e rivestita su entrambe le facce con materiale minerale antiaderente finemente granulato BITUVER BITUMAT V 12 FORATO.
  • Applicazione a fiamma di strato bituminoso per il controllo del vapore BITUVER ALUVAPOR TENDER, membrana elastoplastomerica con flessibilitĂ  a freddo –5°C (BPP) e dotata di armatura in lamina di alluminio goffrata a buccia d’arancia dello spessore di 40 micron, accoppiata ad un velo di vetro.
  • Posa di due strati incrociati di pannelli in lana di vetro G3, da 100 mm l’uno, in fibra crĂŞpĂ©, non idrofili, trattati con speciale legante a base di resine termoindurenti, Isover SuperBac Roofine® G3, l’inferiore nudo e il superiore rivestito con uno strato di bitume a elevata grammatura, armato con velo di vetro e con un film di polipropilene a finire. ConduttivitĂ  termica λ dichiarata alla temperatura media di 10 °C: λ = 0,037 W/(mK) (EN 12667 – EN12939). Il fissaggio dei pannelli alla membrana elastoplastomerica è stato effettuato con emulsione bituminosa BITUVER BITUMASTIC.
  • Inserimento di n. 20 esalatori per guaine bituminose per permettere la fuoriuscita del vapore dai manti impermeabili, mantenendoli asciutti.
  • Inserimento di n. 15 bocchettoni per lo scarico delle acque meteoriche nei pluviali, attraverso lo strato isolante e impermeabilizzante.
  • Applicazione a fiamma di membrana impermeabilizzante antiradice in bitume polimero (BPP) con flessibilitĂ  a freddo e armata in tessuto-non-tessuto di poliestere BITUVER POLIMAT ANTIRADICE.
  • Applicazione a pennello di uno strato protettivo, resistente e schermante gli ultravioletti, BITUVER BITUCOLOR Grigio.
RIDUZIONE TRASMITTANZE TERMICHE DEL SINGOLO ELEMENTO
Elemento edilizio Trasmittanza
pre-intervento
Trasmittanza
post-intervento
Riduzione
trasmittanza
Valori derivati
dalla verifica energetica
W/m2°K W/m2°K %
Copertura piana 1,469 0,156 89,4

 

 

2. Coibentazione, a cappotto interno, del solaio del PP verso il magazzino non riscaldato al PT

Il solaio del PP verso il magazzino non riscaldato è stato coibentato mediante posa di un cappotto interno così costituito:

  • Posa di pannelli in lana di vetro G3 ad alta densitĂ  da 40 mm, Isover Capp8 G3, trattati con speciali leganti a base di resine termoindurenti e con altri componenti che conferiscono un elevato livello di idrorepellenza. ConduttivitĂ  termica λ dichiarata alla temperatura media di 10 °C: λ = 0,037 W/(mK) (EN 12667 – EN12939).
  • Rasatura.
RIDUZIONE TRASMITTANZE TERMICHE DEL SINGOLO ELEMENTO
Elemento edilizio Trasmittanza
pre-intervento
Trasmittanza
post-intervento
Riduzione
trasmittanza
Valori derivati
dalla verifica energetica
W/m2°K W/m2°K %
Pavimento verso LNR PT 1,141 0,511 55,2

 

 

3. Coibentazione, a cappotto interno, delle pareti degli uffici al PT verso il magazzino non riscaldato al PT

Le pareti del PT verso il magazzino non riscaldato sono state coibentati mediante posa del sistema di cappotto a secco per interni Isover Optima, così eseguita:

  • Fissaggio, con tasselli ad espansione, del telaio in profilati di alluminio alla parete verticale.
  • Posa dei pannelli in lana di vetro 4+ touch da 100 mm, Isover XL K 4+, trattati con speciali leganti a base di resine termoindurenti e con altri componenti che conferiscono un elevato livello di idrorepellenza. ConduttivitĂ  termica λ dichiarata alla temperatura media di 10 °C: λ = 0,032 W/(mK) (EN 12667 – EN12939).
  • Stesura della membrana rinforzata con funzione di barriera al vapore e tenuta all’aria con base in poliammide, accoppiata con uno speciale velo in polipropilene Vario® KM Duplex UV. Resistenza al passaggio del vapore acqueo: 0,3 < Sd < 5,0 m (EN 12572) con Sd variabile per la capacitĂ  di adattamento e reazione della barriera in base alla differenza di umiditĂ  relativa tra l’ambiente interno ed esterno.
  • Fissaggio meccanico delle lastre di cartongesso di finitura.
  • Stuccatura dei giunti.
RIDUZIONE TRASMITTANZE TERMICHE DEL SINGOLO ELEMENTO   
Elemento edilizio Trasmittanza
pre-intervento
Trasmittanza
post-intervento
Riduzione
trasmittanza
Valori derivati
dalla verifica energetica
W/m2°K W/m2°K %
Parete verticale verso LNR PT 1,156 0,271 76,6

 

 

4. Coibentazione a cappotto delle pareti verticali e delle solette orizzontali verso esterno

Le pareti verticali verso esterno dell’edificio sono state coibentate mediante cappotto esterno in polistirene espanso sinterizzato, così eseguita:

  • Pulitura della superficie mediante spazzolatura per rimuovere l’eventuale patina di polvere e altro materiale.
  • Ripristino delle parti cementizie ammalorate, con scopertura dei ferri, prima di procedere alla cappottatura, mediante applicazione in sequenza di primer universale, non pigmentato, trasparente, senza solventi per supporti di consistenza ridotta e malta per riparazione di elementi in calcestruzzo non soggetti a sollecitazioni statiche e dinamiche.
  • Applicazione dei pannelli in polistirene espanso sinterizzato Isover EPS 100, spessore 120 mm. ConduttivitĂ  termica λ dichiarata alla temperatura media di 10 °C: λ = 0,036 W/(mK) (EN 12667 – EN12939).
  • Il fissaggio alla parete verticale dei pannelli è stato effettuato mediante incollaggio con adesivo cementizio.
  • Rasatura dei pannelli con rasante cementizio, con applicazione sulla prima mano di rasante di una rete in fibra di vetro, di paraspigoli in rete angolare e profili di sgocciolatoi in PVC nonchĂ©, giunti di dilatazione facciate.
  • Preparazione della superficie con primer
  • Finitura della superficie orizzontale con rivestimento idrorepellente a strato sottile per sistemi di isolamento termico.
RIDUZIONE TRASMITTANZE TERMICHE DEL SINGOLO ELEMENTO   
Elemento edilizio Trasmittanza
pre-intervento
Trasmittanza
post-intervento
Riduzione
trasmittanza
Valori derivati
dalla verifica energetica
W/m2°K W/m2°K %
Muratura esterna (valori max) 1,463 0,247 83,1

 

 

I risultati previsti per tutti gli interventi

I risultati energetici conseguibili sull’edificio in oggetto (palazzina uffici) evidenziano, a seguito dell’intervento proposto, un risparmio conseguibile di circa il 70% per quanto concerne il fabbisogno energetico per il riscaldamento degli ambienti.
Il fabbisogno energetico dell’edificio passa, infatti, dal valore attuale di circa 264,00 kWh/m2a (62,4 kWh/m3/a)1 al valore di 77,00 kWh/m2a (18,7 kWh/m3/a).
–

Valori derivati dall’analisi effettuata nel 2007 con il Software MC4.

​